Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. 

Resina epossidica per legno

Resina epossidica per legno Aggrappante Pava 100, Reform-A Pava 72, Pavatekno 2 impiegati per la realizzazione delle iniezioni/consolidamenti resinosi su materiali lignei sono tutti esenti da solventi e pertanto idonei all’utilizzo in ambienti civili e reparti destinati anche allo stoccaggio ed alla lavorazione di prodotti alimentari nonché idonei in ambienti ad uso medico-sanitario.
Inoltre tali formulati sono stati sviluppati allo scopo specifico in collaborazione con l’Università degli Studi di Padova ed il Centro Ricerche del Dipartimento Chimica Organica dell’Università Ca’ Foscari di Venezia.
A tal proposito le resistenze meccaniche a compressione nonché il relativo modulo elastico sono stati adeguatamente progettati al fine di coadiuvare efficacemente il comportamento del materiale ligneo (travi, pavimentazioni, ecc.) quand’anche sottoposto a tensioni di trazione per flessione. Infatti una resina epossidica per legno troppo rigida e con resistenze a compressione irragionevolmente elevate indurrebbe uno stress fisico quando inserito in un materiale ligneo “più elastico” ed ovviamente sottoposto a tensioni di carico.
Per contro le “performance” disponibili nei formulati resinosi sopra citati sono ampiamente garantite e più che sufficienti per la destinazione d’uso prevista.
In aggiunta questi sistemi resinosi sono stati ideati lasciando la possibilità di agire sulle capacità reologiche finali (per es. con addensanti e tixotropizzanti) in modo da raggiungere le viscosità finali ottimali senza che ciò influisca in alcun modo sullo sviluppo delle resistenze meccaniche a compressione richieste.
Non solo, tale pratica permette con l’impiego di adeguata attrezzatura  (iniettori a pressione, ecc.) di raggiungere anche le zone all’interno delle travi lignee più impervie creando un “composito” finale particolarmente omogeneo: sistemi troppo tixotropici (con alte viscosità) seppur iniettati ad alta pressione, non riescono ad occludere con efficacia le diverse disomogeneità presenti nei materiali lignei.

 

FaLang translation system by Faboba