Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. 

Resina impermeabilizzante

Al fine di comprendere nella sua interezza la complessa problematica sulle infiltrazioni si rimanda preventivamente anche alla lettura dei sottoparagrafi BLOCCO UMIDITA’ ED INFILTRAZIONI  e INIEZIONI A PRESSIONE.
Pertanto oltre ai sistemi applicativi superficiali/corticali e quelli ad impregnazione per iniezioni a pressione è possibile intervenire anche con resina impermeabilizzante per colata o lenta diffusione.

In questo caso la barriera viene realizzata attraverso l’impiego di una serie di formulati sviluppati per impregnare il supporto, la muratura, le fondamenta.

Tali formulati si diversificano sulla base base di due principi di azione:
1. Chiusura dei pori e dei capillari con effetto consolidante;
2. Riduzione del potere di assorbimento dei capillari con effetto idrofobizzante.

I formulati chimici con effetto consolidante sono i seguenti:
Pavaseal W: Formulato resinoso bicomponente espansivo ed altamente reattivo in presenza di umidità.
Pavaseal 180E: Formulato epossidico bicomponente esente da solventi, formulato a lungo pot-Life e bassa viscosità.

Per i formulati chimici con effetto idrofobizzante si rimanda al sottoinsieme INIEZIONI A PRESSIONE. Comunque anche questi ultimi possono essere iniettati per colata.

Tendenzialmente la resina impermeabilizzante bicomponente offre elevate prestazioni ma in applicazioni per colata e/o lenta diffusione non è sempre in grado di raggiungere elevate profondità.

Per ricevere le schede tecniche contattare i nostri uffici

 

FaLang translation system by Faboba